Medici: si rinnova il giuramento di Ippocrate

90
0
Share:

L’Ordine dei Medici della Provincia di Ancona, nel corso della tradizionale assemblea ordinaria annuale, apre le porte ai giovani neolaureati e premia chi da anni esercita la professione con passione e rigore. Un segnale di continuità tra la medicina di ieri e quella di domani.

In principio fu Ippocrate, promettente medico dell’antica Grecia, autore di quel giuramento che consacrava il camice bianco al dio Apollo e all’Olimpo tutto. Lo “prescriveva” ai suoi allievi e ancora oggi i giovani neolaureati continuano a recitare la sentita professione di fede. Nel rispetto della tradizione, l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Ancona si prepara ad accogliere il giuramento delle sue nuove leve. L’occasione sarà la tradizionale assemblea ordinaria annuale. Un evento che si prefigura anche come  importante momento di incontro tra generazioni: oltre al rito dei nuovi camici bianchi e alla consegna di 5 borse di studio, l’Ordine conferirà infatti un riconoscimento agli iscritti che hanno raggiunto il traguardo dei 25, 50 e 60 anni dalla laurea.

“La nostra volontà è quella di ricordare  e riconoscere il lungo percorso professionale di questi medici” ha dichiarato Fulvio Borromei, Presidente dell’Ordine dei Medici della Provincia di Ancona “allo stesso tempo però desideriamo attestare l’importanza di coloro che si affacciano a questo mestiere. Sono loro i prosecutori della nostra tradizione clinica. A loro la comunità medica deve rivolgere la sua attenzione”. Giovani che hanno bisogno di seguire la rotta tracciata da chi, con passione e dedizione, li ha preceduti. Proprio come accadeva ai fedeli allievi di Ippocrate.

L’Assemblea avrà luogo giovedì 13 dicembre 2012 alle ore 16,00 presso la Loggia dei Mercanti ad Ancona. Nel corso dell’incontro è previsto un “Annullo filatelico speciale” in occasione della realizzazione del primo francobollo dedicato alla professione medica, presentato lo scorso settembre durante il 1° Congresso Nazionale della chirurgia italiana.

Share: